Comunicati ufficiali

Campionati Italiani Fondo

Italiano Fondo Cicloturistico

Italian Off Road

Stella Alpina

Brevetti – raid – randonnèe su strada e mtb

Ciclismo Femminile

Coordinamenti regionali

Comitati provinciali

 

giugno: 2017
L M M G V S D
« mag    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Il cuore di padre Mondin ha cessato di battere

Nelle notte tra giovedì 29 e venerdì 30 gennaio il cuore di padre Battista Mondin ha cessato di battere. Assistente spirituale dell’Udace dal 1971. Ha partecipato a parecchi Enal Giro. Organizzatore e realizzatore dei ciclopellegrinaggi a Lourdes. Terra Santa, Russia, Polonia, Fatima, Montreal, Scozia, Germania, Belgio, Svizzera. Nel 1975 ha portato l’Udace in udienza da papa Paolo VI e nel 1980 da Papa Giovanni Paolo II. Dopo trent’anni, nel 2000, ha lasciato l’Udace per limiti di età ma anche in seguito a un incidente di cui è rimasto vittima mentre a Roma percorreva la via Appia.
Padre Mondin si trovava presso i Saveriani di Parma dove lunedì  2 febbraio verrà celebrata la Santa Messa funebre per poi essere trasferito nel proprio paese natale a Monte di Malo (Vicenza), dove era nato nel 1926.…

[...]

Cremona: è morto Miro Ottonello

È morto Miro Ottonello, storico presidente del Comitato Udace di Cremona. Classe 1926 è stato eletto ai vertici di Cremona nel 1977, carica che ha ricoperto per anni. Sportivissimo, da sempre dirigente e promotore di attività in varie ASD. Avisino, medaglia d’oro per la sede di Soresina è stato anche dirigente dell’AIDO. Gentiluomo della strada, medaglia d’oro per meriti. Ha iniziato a correre da allievo (due vittorie) nell’Uc Cremasca. Ha continuato fino ai dilettanti di 1° categoria (15 successi). Sott’ufficiale di marina, componente della Commissione Ginnica a Roma, cronista sportivo prima per Ciclismo d’Italia e poi per il settimanale Ciclismo Udace.…

[...]

È morto Francesco Vicini per anni presidente della CTN

È morto Francesco Vicini, classe 1925, di Forlì. Si è sempre occupato di sport e di tempo libero. È stato per anni responsabile del CSI e anche del CTG (Centro Turistico Giovanile) di Forlì. Entra nell’Enal Dace nel 1956 come dirigente di società. Nel 1959 diviene delegato provinciale Enal Dace con il compito di addetto al settore sport e giochi del comitato di Forlì. L’attività cicloamatoriale sta muovendo i primi passi ed è appunto in questo periodo che Vicini inizia la sua collaborazione con la Consulta per il cicloturismo sorta all’interno della Dace per seguire le nuove attività. Assume poi la carica di vicepresidente (1966) della Commissione Tecnica cicloturismo. Nel 1970-1972 fa parte della Commissione Appello e Disciplina (CAD). È componente della Commissione per la predisposizione dello Statuto per la nuova struttura Dace – passaggio da delegazione a Unione – sancita dall’Assemblea costituente di Viserbella del 1973. Ed è proprio nel 1973 che Vicini diventa presidente della Commissione Tecnica Nazionale (CTN) carica ricoperta fino a pochi anni fa.
Persona di grande capacità e notevole buon senso. Il mondo dei cicloamatori lo rimpiange e formula cristiane condoglianze ai parenti tutti.…

[...]

Gianfranco Monti ha raggiunto la Casa del Padre

Ha raggiunto il luogo e il tempo della Pace, Gianfranco Monti, membro della Commissione Tecnica Nazionale Udace dal 1987. Aveva 68 anni, abitava a Meldola (FC). L’aveva voluto nella CTN Francesco Vicini di cui è sempre stato solerte e capace collaboratore. Lo ricordiamo a tanti incontri nazionali dell’Unione, ne ricordiamo la passione per la bicicletta e il suo lavoro. Sessantotto anni vissuti intensamente, una vita ancora ricca di entusiasmo e di nuovi progetti anche se gli ultimi mesi sono stati duri da vivere per la malattia che l’aveva aggredito.
Tutta la famiglia dell’Udace, commossa e addolorata, è vicina a Franca che lo ha amorevolmente seguito in un lungo tratto della sua vita. Questi i nostri pensieri nel ricordarlo e nell’invitare gli amici Udace a una preghiera.
                                              Il presidente Nazionale Francesco Barberis

[...]

Il cuore di Giannino Gattazzo si è fermato
Era Presidente del Comitato di Mantova dal 1987

È tornato improvvisamente alla casa del Padre, all’età di 69 anni,  Giannino Gattazzo. Nemmeno il tempo di un ultimo saluto. Un infarto, e il suo cuore si è fermato. Era alla guida del Comitato Udace di Mantova dal 1987 quando i gruppi sportivi, nell’assemblea del 15 novembre, lo hanno chiamato ai vertici provinciali. Con presidente Gattazzo, anno dopo anno, Mantova si è fatta conoscere e apprezzare anche a livello nazionale. Alla sua guida il Comitato ha avuto un continuo incremento a conferma della sua vitalità inserendosi in quelle Associazioni Sportive Dilettantistiche che hanno lavorato e lavorano bene, conquistando titoli di merito in campo nazionale e internazionale.
Sentiremo la sua mancanza: ci mancherà la sua giovialità, il suo senso pratico, la sua amicizia con gli udacini, dirigenti o semplici appassionati della bicicletta.
Il presidente Francesco Barberis, i presidenti dei comitati provinciali e i dirigenti Lombardi, più vicini a lui, tutta la grande famiglia dell’Udace, si sente in lutto per la perdita di Giannino. Lo ricorderemo con riconoscenza. Ci sentiamo vicini ai parenti condividendone il dolore nella preghiera.…

[...]

L’amicizia vista da una che se ne intende

Poco meno di un mese fa, condivisi su Vercelli Sport l’immagine in alto sotto il titolo, scattata lo scorso anno al Campionato Regionale Piemonte di ciclocross. E’ lo scambio di un “cinque” di stima tra due persone che recitano un ruolo da protagonisti nel ciclismo amatoriale, più atleta vincente uno Massimo Valsesia, più organizzatore attento e volenteroso l’altro Gianni Riconda. Lo spunto fu presentare la rinnovata sfida per i titoli regionali ma ne venne fuori un can can assurdo, con qualche brutta caduta di stile, certi puntini di sospensione e certi giudizi che al mondo del ciclocross (non solo quello vercellese) garbarono molto molto molto poco. Stavolta rimetto questa immagine, perché anzitutto non mi piace mandarle a dire a nessuno e facebook raggiunge tanti in contemporanea, in secondo luogo perché a quella foto condivisa a fine gennaio seguirono dei post che chiamavano in causa un evento come il Campionato Italiano di ciclocross Acsi settore ciclismo, organizzato dal Team Pedale Pazzo di Borgo d’Ale.…

[...]