Coordinamenti CSAIn

Coordinamenti Acsi

 

settembre: 2021
L M M G V S D
« feb    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Archivio notizie

PSICHE E CORONAVIRUS. QUALI IMPLICAZIONI?

maxresdefault

https://www.csainciclismo.it/news-presidenza/4557-psiche-e-coronavirus-quali-implicazioni

 …

[...]

Trasmissione dei corrispettivi “telematici” che riguardano le Asd e Ssd

L’articolo 17 del D.L. 119/2018 ha introdotto, a decorrere dal 1 gennaio 2020, l’obbligo di comunicare telematicamente i corrispettivi all’Agenzia delle Entrate da parte di tutti gli operatori economici che già applicano un regime fiscale che prevede l’emissione dello scontrino o ricevuta fiscale.
Dal tenore della norma risulta chiaro che chi non è obbligato a rilasciare scontrino o ricevuta fiscale non è obbligato al nuovo adempimento. Per questa ragione è opportuno chiarire in quali particolari ipotesi le Associazioni e le società sportive dilettantistiche sono obbligate alla comunicazione telematica dei corrispettivi. Iniziamo con il dire che I proventi delle ASD e SSD possono essere suddivisi in proventi per attività istituzionale provenienti da associati e/o tesserati, proventi da attività commerciali connesse ed infine proventi da attività commerciali non connesse.
Sui proventi istituzionali, quali ad esempio quote associative, contributi specifici per lo svolgimento di attività sportive da parte di associati e/o tesserati, non vi è alcun obbligo di emissione di documento fiscale (scontrino o ricevuta fiscale) e pertanto in questo caso la ASD o SSD non è obbligata alla trasmissione telematica degli incassi.…

[...]

Contributi pubblici: tutti gli adempimenti per ASD e SSD

di Salvatore Bartolo Spinella

L’obbligo di pubblicazione delle somme erogate da amministrazioni pubbliche a favore di associazioni e società sportive dilettantistiche è stato introdotto dalla Legge 124 del 2017.
Il Decreto-legge 34 del 2019, meglio noto come “Decreto Crescita”, ha successivamente dissipato alcuni dubbi interpretativi che la citata Legge aveva generato.
Ma vediamo in dettaglio quali sono gli obblighi introdotti per le ASD e SSD e quali sono le sanzioni per chi non assolve l’obbligo di trasparenza.
Occorre, in primo luogo, dire che diversi sono gli adempimenti per le ASD rispetto a quelli che riguardano le SSD.
Le Associazioni Sportive Dilettantistiche, secondo le attuali norme, devono pubblicare (a partire dall’esercizio finanziario 2018) entro il 30 giugno di ogni anno nei propri siti internet o analoghi portali digitali le informazioni relative a sovvenzioni, sussidi, vantaggi, contributi o aiuti, in denaro o in natura, non aventi carattere generale e privi di natura corrispettiva, retributiva o risarcitoria, che gli sono stati effettivamente erogati nell’esercizio finanziario precedente da pubbliche amministrazioni ed enti pubblici economici, ordini professionali, società in controllo pubblico e associazioni, fondazioni ed enti di diritto privato finanziati dalle pubbliche amministrazioni o che esercitano attività di produzione di beni e servizi a favore delle pubbliche amministrazioni. Le Società Sportive Dilettantistiche, invece, devono pubblicare i predetti importi ed informazioni nella nota integrativa allegata al bilancio di esercizio posto che tutte le SSD sono tenute ad iscriversi al registro delle imprese ex articolo 2195 del Codice civile ed obbligati al deposito del bilancio e della relativa nota integrativa presso lo stesso registro. Ove la SSD redige il bilancio in forma abbreviata ai sensi dell’art. 2435-bis del codice civile, dovrà assolvere l’obbligo, al pari delle ASD, tramite la pubblicazione delle informazioni sul proprio sito internet ovvero sui portali dell’associazione di categoria senza indicazione in nota integrativa. Secondo il disposto normativo sono esclusi, dall’obbligo di pubblicazione, gli incarichi retribuiti ed in generale l’acquisto di eventuali beni e servizi, oppure eventuali risarcimenti danni corrisposti dalle Pubbliche amministrazioni. Sono esclusi, altresì, i contributi a “carattere generale”, per cui l’obbligo non coinvolge, per esempio, il contributo del 5 per mille e tutto il tema dei “vantaggi”.…

[...]