Campionati Italiani Fondo

Italiano Fondo Cicloturistico

Italian Off Road

Stella Alpina

Brevetti – raid – randonnèe su strada e mtb

Coordinamenti regionali

Comitati provinciali

 

agosto: 2014
L M M G V S D
« lug   set »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Archivio notizie

Ai Colli S.Fermo il tricolore della Montagna

Colli San Fermo (BG) - Il milanese Paolo Castelnuovo svetta tutto solo ai Colli San Fermo, in una mattinata flagellata dalla pioggia che ha reso ancor più bella l’impresa dei novantasette partecipanti provenienti da più parti dell’alta Italia e non solo. Alle premiazione sono intervenuti il sindaco di Grone Gianfranco Corali, il responsabile Nazionale Acsi Pierpaolo Zanfi. Ottima l’organizzazione della Giuliano Barcella con un particolare apprezzamento al vigile Ulisse che ha coordinato al meglio, specialmente durante il Giro del Lago di Endine. La gara nell’insieme è stata alquanto affascinante sia sotto il lato sportivo ma anche sotto l’aspetto organizzativo.…

[...]

CUNEO: S.Francesco al Campo 17.8.2014

GRAN PREMIO DELL’ASSUNTA STRADA

Vince la P2….Pacchiardo-Panepinto

San Francesco al Campo (To), 17 agosto 2014 – Come promesso siamo nuovamente qui a San Francesco al Campo, dove proseguono i festeggiamenti dell’Assunta e dove si corre in bici. Giovedì vigilia di Ferragosto c’è stata la corsa MTB, oggi è la volta della classica corsa su strada che gli amici dell’S.C. Velodromo Francone organizzano da sempre: con 4 giri, passando per discesa Cascarina e salita Corametti, per un totale di 63 chilometri.

Siamo nel ponte di Ferragosto e le due partenze in programma non sono nutrite come si vorrebbe ma la partecipazione è assolutamente qualificata, con personaggi del nostro mondo amatoriale, provenienti anche dalle regioni confinanti. L’accattivante percorso, pur non essendo particolarmente impegnativo, rende la gara appetibile soprattutto a chi non ama i “piattoni”.

Alle 16, dopo un minuto di raccoglimento in memoria dell’amico corridore Giorgio Grandis, deceduto il 14 agosto in un banale e disgraziato incidente domestico, la corsa della prima fascia prende il via. Il tempo è bello e le nuvole che formano il cosiddetto “cielo a pecorelle” non destano preoccupazioni climatiche.

Nel primo dei 4 giri in programma, nasce una fuga, composta dai fratelli Aldo e Lorenzo Balducci, Matteo Save, Diego Casale, Alan Seletto, Cesare Venezia e Matteo Cannoni. L’inseguimento è guidato da Caresio, Dell’Erba, Risicato e Bosio che, al primo passaggio sulla linea del traguardo, transitano con 20” di ritardo.

Nella seconda tornata i battistrada sono raggiunti dal gruppo che, al giro di boa, transita con Azzolini, Caresio e Porro in testa. La situazione non cambia neanche quando suona la campana che annuncia l’ultimo giro. Questa volta ci sono in testa, Save, Vassallo, Casale, Pennella, Brondello e Azzolini ma il plotone è ancora compatto.

La botta “sbriciolosa” la danno Pacchiardo e Seletto che sullo strappo dei Corametti impongono un ritmo infernale. Dietro, danno l’anima per riprenderli, proprio mentre i battistrada temporeggiano nell’attesa di decidere chi dei due deve tirare. Avviene un parziale ricongiungimento quando il traguardo è ormai vicino. Valter Pacchiardo, che si era tenuto ancora qualche energia da spendere, è lesto a mettersi in testa e impostare la volata a modo suo.

L’arrivo gli sorride e il pubblico batte le mani quando transita a braccia alzate alla media di 42,480 km/h, davanti a Lorenzo Balducci, Matteo Save, Paolo Lussiana, 1° veterano, Seletto, Aldo Balducci, Zavattero, Turco (2° veterano) Sumin (3° veterano), Ferraris, Barra, Andrea Alberto, Cannoni, Casale, Venezia, Altare, Dell’Erba, Perucca e Desco.

Qualche minuto dopo la prima fascia è la volta della seconda, nella quale oltre a gentleman e super gentleman c’è anche una ragazza, Sarah De Santis.

Non c’è alcun rispetto per chi ha ancora i postumi del Ferragosto e l’avvio è velocissimo, con Panepinto, Mello Rella e Fenocchio che si lanciano a tutta.

Mentre Mello Rella e Fenocchio misurano le forze per arrivare integri all’arrivo, Panepinto prosegue imperterrito a modo suo e transita solitario al primo passaggio sotto lo striscione d’arrivo. Il vantaggio sul gruppo, condotto da Caruso e Fenocchio, è esiguo e, in poco tempo avviene il ricongiungimento.

Panepinto non demorde e, nella seconda tornata, è di nuovo davanti con Fenocchio, Gatti, Trotta, Mello Rella, Tron e un altro corridore. Il vantaggio al passaggio da San Francesco è di 30” su Adriano Bungaro, Da Ros, Meneghini e Giletta, che conducono l’inseguimento.

Qualcosa non va tra i fuggitivi perché nel terzo giro si rimescolano le carte e, al “passaggio della campana”, davanti ci sono, Panepinto, Allasia, Piacenza, Mello Rella, Fenocchio, Olivero e Caruso, con 45” di vantaggio su Cifarelli, Schiesaro, Da Ros, Meneghini e Salvatico.

Il vantaggio dei sette battistrada sembra rassicurante ma Cifarelli, Albiero e Bungaro si lanciano all’inseguimento. Nel frattempo dalla testa della corsa si stacca Caruso e, poco dopo, Fenocchio, mentre Olivero è costretto a fermarsi per una foratura. Sulla salita si stacca anche Panepinto ma, tra quelli rimasti davanti, Piacenza non tira perché spera che il suo compagno di squadra, Panepinto, possa rientrare. Mello Rella non tira per non favorire Allasia, più veloce di lui. Allasia non lo fa per non portare a spasso gli altri due e così Panepinto rientra da dietro e, come nel più classico dei contropiedi, se ne va a doppia velocità arrivando al traguardo esultante, tra gli applausi del numeroso pubblico assiepato dietro le transenne, alla media di 40,280 km/h e con 31” di vantaggio su Piacenza, Mello Rella e Allasia.

Fenocchio giunge al traguardo a 42”, mentre Bungaro, vince lo sprint degli immediati inseguitori, a 1’ dal vincitore, precedendo Dell’Atti, Cifarelli, Albiero (rispettivamente 1° e 2° sgA), Gaggero e Tron.

A 1’20” arriva Pavese, con Rudino, Da Ros, Gay e Pagani. Poi, a 1’35”, Foravalle precede Meneghini, Schiesaro, Marletta, Ariagno (1° sgB), Cavallari, Gnoatto (2° sgB), Lodigiani, Salvatico e Fassone (3° sgB). All’arrivo anche Sarah De Santis.

Ritorniamo presso la zona dei festeggiamenti, dove in breve si dà inizio alla premiazione, con cesti, borse prodotti e mazzi di fiori per i due vincitori e la ragazza meritevole come gli altri anche se da sola a gareggiare.

Foto, applausi, sorrisi e ancora un pensiero a Giorgio Grandis che ci sarebbe piaciuto riavere ancora con noi.

Prossimi appuntamenti, sabato 30 agosto con la cicloscalata regionale Frabosa-Prato Nevoso e domenica 31 agosto a Baldissero con il classico Memorial Aldo Milesi che quest’anno avrà un arrivo inedito.

Le foto della gara e della premiazione finale sono consultabili cliccando sul seguente collegamento:

https://plus.google.com/photos/110336262776895138773/albums/6049240084260238385

                                                                                                          Valerio Zuliani

Classifica S.Francesco al Campo 17.8.2014

 

 

[...]