Coordinamenti CSAIn

Coordinamenti Acsi

 

settembre: 2015
L M M G V S D
« ago   ott »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

Archivio notizie

CUNEO: Madonna dell’Olmo 3.9.2015

8°MEMORIAL ROBERTO CHIAPALE

Lucio Fariano fa il vuoto e vince in solitaria

Madonna dell’Olmo (Cn), 3 settembre 2015 – I tanto annunciati temporali non ci sono stati e il sole è ancora alto sopra Cuneo, prima che inizi il circuito cittadino serale di Madonna dell’Olmo denominato “8° Memorial Roberto Chiapale” e organizzato dalla locale ASD Cicli Pepino.

La manifestazione è inserita nei festeggiamenti della frazione satellite di Cuneo, dove ogni sera si fa musica, si canta, si mangia e si beve sotto il tendone. Ai corridori iscritti è offerto un buono per partecipare al pasta party.

E’ questo l’ultimo circuito serale di una stagione molto intensa ma francamente ci aspettavamo una partecipazione più nutrita. Il tracciato di gara è uno spettacolare circuito cittadino di 920 metri, con sole tre curve, interamente chiuso al traffico, che tiene continuamente in contatto i corridori con il pubblico: una sorta di “stadio stradale” che i concorrenti percorrono in un minuto e mezzo circa, facendo vivere al pubblico la sensazione di essere nel pieno dell’azione. Chi non ha avuto paura di questo confronto diretto davanti alla gente, si è presentato al tavolo delle iscrizioni, dove costatiamo esserci il meglio del ciclismo amatoriale che ha voglia di divertirsi e fare divertire.

I giri da compiere sono 35, per un totale di 32,2 km, con un lotto di concorrenti che va dai 23 ai 66 anni.

Si parte “a razzo” alle 19 e, subito dopo, Ferracin e Barra vanno all’attacco, che Luca Carlini e Zavattero si affrettano a rintuzzare. Ma, come già detto, da qualunque postazione si vede il continuo sviluppo della corsa e così vediamo che Ferracin riparte con il compagno di squadra Fariano inseguiti da Luca Carlini e da Luciano.

In testa alla corsa si forma un quartetto ben assortito mentre alle sue spalle, la lotta per raggiungerlo, crea immediatamente qualche distacco.

Tra gli inseguitori si mette in evidenza Stindel, che rimane parecchie tornate a soli 100 metri dai fuggitivi senza mai riuscire a raggiungerli.

Si arriva con questa situazione al Traguardo Volante che gli organizzatori hanno inserito al 20° giro. Se lo aggiudica Luca Carlini davanti a Luciano, Fariano e Ferracin. Intanto, dietro ai battistrada sono, prima Barra e poi Consolino, che provano ad agguantare i fuggitivi, ma anche loro devono desistere contro avversari che viaggiano regolari come un orologio.

Uno sfortunato incidente meccanico mette fuori dai giochi Luca Carlini che, vittima di una caduta della catena, è costretto a fermarsi per tirarla su. Anche se l’operazione è veloce, Carlini perde troppo terreno e, pur lanciandosi in un inseguimento coraggioso e disperato, non riesce più a ritornare sui battistrada.

Adesso la storia si fa dura per il ventitreenne Luciano che si trova con due marpioni che hanno sì più del doppio della sua età, ma sono della stessa squadra. E per lui questo è un grosso problema. Quando i due alfieri del Vigor Cycling Team decidono di cambiare tattica, il povero Luciano si trova una bella gatta da pelare. A 10 giri dalla fine scatta Ferracin e, dopo un po’ di esitazione, Luciano lo va a prendere. Poi scatta Fariano e Luciano, con Ferracin passivo a ruota fa di tutto per riportarsi sotto. Il vantaggio è di soli 100 metri ma Fariano non molla. I giri si susseguono con la stessa situazione poi, quando ne mancano tre, il giovane corridore cuneese si arrende e lascia a Ferracin il compito di non farsi prendere da quelli dietro. L’esperto veterano cerca in tutti modi di staccarlo, facendo attenzione a non riportarlo troppo vicino a Fariano, ma Denis Luciano gli rimane attaccato come un francobollo fino all’ultima tornata.

Suona la campana e mentre Fariano si appresta a festeggiare la sua vittoria solitaria, Ferracin e Luciano, s’impegnano in una lotta serrata per stabilire chi sarà il secondo arrivato.

Fariano, applaudito dal pubblico, taglia il traguardo in 44 minuti, alla media di 44,140 km/h, mentre 30” dopo, Ferracin regola in volata Denis Luciano.

In quarta posizione arriva Luca Carlini che ha continuato a inseguire, contenendo dignitosamente il distacco. Dopo di lui è la volta di Barra, a 53”, che supera in volata Desco, Olivero, Consolino, Allamando, Stindel e Davide Carlini.

Quelli arrivati dopo, benché doppiati, hanno potuto portare a termine la loro corsa nel seguente ordine: Altare, Zavattero, Arangio, Salomone e Calvarese (1° sgB).

Mentre i corridori vanno a cambiarsi e i giudici di gara stilano la classifica, Enrico Chiapale prepara la premiazione di questa gara organizzata per l’8° anno consecutivo in ricordo del suo papà.

Quando tutto è pronto, si chiamano i protagonisti della corsa, applauditi dal pubblico che affluisce continuamente per continuare la serata e si scattano le fotografie di rito, con i lampi che iniziano a illuminare la giovane e serena notte.

Si chiudono i festeggiamenti della gara ma non quelli di Madonna dell’Olmo, con i quali continuiamo anche noi insieme agli amici Pepino e Chiapale prima di fare definitivamente ritorno a casa, accompagnati da una Luna straordinaria.

Le foto della corsa e premiazione finale sono consultabili cliccando sul seguente collegamento:

https://picasaweb.google.com/110336262776895138773/MadonnaDellOlmo8MemorialRobertoChiapale3Settembre2015

Valerio Zuliani

 Classifica Madonna Olmo 3.9.2015

[...]