Coordinamenti CSAIn

Coordinamenti Acsi

 

maggio: 2016
L M M G V S D
« apr   giu »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Archivio notizie

IMPERIA:A ROCCHETTA NERVINA IL FRANCESE CARVALHO

ACSI CICLISMO

SEZIONE DI IMPERIA

BELLA GARA A ROCCHETTA NERVINA

VINCE IL FRANCESE CARVALHO

La 5° edizione del Trofeo ZERO TEAM Bordighera, ha visto la partecipazione di 70 concorrenti, di varie località della zona ligure oltre  a qualche transalpino.

Proprio il francese Carvalho la spuntava dopo una bella progressione sull’ultima asperità di Rocchetta Nervina. Alle  8,50 la partenza per un piccolo tratto turistico sino a Dolceacqua, dove la gara esplodeva immediatamente con la “sparata” di Morreale seguito da Panizzi, Praticò, che resistono sino a Camporosso, dove all’inversione gara si aggiunge la coppia Maglio, Moschetta.

Niente, la testa del gruppo con in testa le migliori squadre Tuttosport, Ciclistica Bordighera, Ospedaletti/Giant, e la Rusty bike con Corazza oltre al Pedale Imperiese con Drovandi oltre a Pistis e Calistri, che provano la fuga ma sempre chiuse dal gruppo. La risalita verso Pigna, vede ancora tanti tentativi di fuga ancora con Iride, Lanzo, Milidona, Dimitrov, Basso, ancora Corazzza ed il buon Davide Sanguineti, Sciandra e Garuti.

La soluzione della gara si decide in volata, dopo una tiratissima salitina(4 km) dal bivio di Dolceacqua a Rocchetta Nervina, che porta il plotone allungatissimo sino ai 500 metridalla meta, qui prende la testa Carvalho(Mentone) e non la cede nonostante il recupero di Freno(Zero Team), Rolando(Bike Evoulescion), Iride ed il “cinghiale volante” Alessio Caggiula, a seguire Lanzo, e Dimitrov col locale Del Duro.

Poi, presso il ristorante Barbaira dell’amico Ennio, la premiazione con  i migliori di Categoria: Freno(Vet 2), Rolando(Sen. 1), Caggiula(Sen.2), Del Duro(Vet. 1), Rollando(Gent.1),  Rella(Gent. 2), Bernocchi(2° Serie B), Siciliano(2° Seria A), Allasia (Donne), Caruso(Superg. A).  Poi un arrivederci alla prossima manifestazione, che avrà luogo il 2 giugno a Sanremo(frazione S. Bartolomeo) per la 2° prova dello “Scalatore 2016”.

Vorrei fare un complimento alla Società organizzatrice e ai suoi componenti, per la correttezza nella scorta della gara e nella messa a punto di qualche “buco” lungo la strada, un ringraziamento, alle forze dell’ordine che ci hanno aiutato, alla Protezione civile, alla Croce Verde e a  tutti i volontari che ci hanno supportato.

Davide Punturiero

[...]

CUNEO: Racconigi

PACCHIARDO E ZOLA NEL VIALE DEI RE

Volate di gruppo davanti al Castello Reale di Racconigi

 

Racconigi (Cn), 22 maggio 2016 – Il ciclismo amatoriale che conta fa il suo ritorno sulle strade di Racconigi dopo un periodo di scarsa frequentazione a causa delle pessime condizioni del manto stradale che è stato a lungo teatro di tante manifestazioni.

Il percorso di oggi è diverso, per la maggior parte è inedito. Il 1° Giro delle Circonvallazioni, organizzato dalla G.S.C. Racconigi MC Cicli Groppo, è anche la terza prova del Campionato Provinciale Strada.

I corridori, partendo tutti insieme dalla piazza antistante al Castello, si recheranno nel piazzale dell’Ilva e di qui affronteranno un circuito di poco meno di 15 km da fare cinque volte, rimanendo a cavallo del confine tra le province di Cuneo e Torino per poi fare ritorno a Racconigi, arrivando da sud, nel bellissimo viale alberato che porta al Castello.

I concorrenti che s’iscrivono presso il Bar Mario, divisi in due fasce d’età, sono 201.

Alle 10, dopo la foto di rito davanti al Castello Reale, la carovana si muove ad andatura cicloturistica fino al luogo convenuto per la partenza, dove è divisa come previsto.

Partono prima coloro che non hanno ancora compiuto 50 anni. Sono in 109.

Le larghe strade, nuove e curate, delle circonvallazioni di Carmagnola, Caramagna e Racconigi, invitano alla velocità. Dopo un giro, il gruppo si presenta compatto e allungatissimo, tirato da Simone Marchiori, Mattia Magnaldi e Bartolomeo Monge.

Nella tornata successiva ci provano Carlevero e Piana, ma anche loro senza risultato.

Carlevero ci prova ancora nel terzo giro, insieme a Magnaldi, ma il loro vantaggio non riesce a superare i 20”, prima di essere riassorbiti, grazie al lavoro cei padroni di casa della G.S.C. racconigi Cicli MC Groppo

In diversi provano a scappare nelle due tornate successive e, nell’approssimarsi al traguardo, ci provano  Andrea Gallo e Diego Piva, ma la fatica inizia a farsi sentire e Piva è il primo ad arrendersi. Gallo resiste un pochino di più, ma il gruppone, tirato dai Ciadit, lanciatissimo per cercare le posizioni nell’imminente volata, lo ghermisce prima di entrare nell’ultimo lunghissimo rettilineo.

Lo sprint è lanciato dal veterano Caporali. Poi passa in testa Parzanese e da dietro, ben pilotato da Luca Croce, spunta Walter Pacchiardo che, con una volata “regale”, proprio davanti al castello dei Re sabaudi, mette il sigillo sulla corsa, percorrendo i 73,5 chilometri di gara, alla vertiginosa media di 45,542 km/h.

Il senior Pacchiardo, che ultimamente non smette di vincere, alza le braccia al cielo, precedendo i veterani Luigi Parzanese, Stefano Caporali, Giuseppe Testai e Giuseppe Finotto (alla faccia dei veterani!), seguiti da Desco, Mostaccioli, Dell’Erba, Paolo Cazzadore, Desaymonet, Marchiori, Bertolotto, Gagliardini, Curreli, Pennella e Pera.

E’ veloce anche la corsa dei 92 “over 50”, che vediamo transitare al primo passaggio dal nostro punto di osservazione, con Panepinto che cerca di allungare, seguito da Buttaglieri, Grappeja, Bonelli, Ragazzini e Mauro Carbone.

Nel secondo giro è Firpo che prova a scappare, ma Marletta, seguito da Panepinto, Grappeja e Ragazzini, si riporta subito sotto.

Anche per le tornate successive, il copione presenta scatti e contro scatti senza risultato, fino ad arrivare al rettilineo finale, al fondo del quale vediamo il biscione, composto da 89 corridori, saettare paurosamente a destra e sinistra fino agli ultimi 250 metri, quando passa in testa Ostorero, con alla ruota Soffietti, Mantino e Zola. Quest’ultimo parte sulla sinistra e inizia a rimontare. A destra prova a rimontare anche Mantino, ma il passaggio che lascia Ostorero è stretto e la sua azione è rallentata. Zola invece ha la strada libera e si porta in scia Mario Soffietti, che supera a sua volta Ostorero, ormai stanco: Negli ultimi metri anche Mantino riesce a passare e sviluppare la sua bruciante volata ma ormai Roberto Zola taglia tranquillamente il traguardo con le braccia al cielo, alla rispettabile media di 43,109 km/h. In seconda posizione si classifica Mantino, davanti a Soffietti e Ostorero. I quattro hanno 15 metri di vantaggio su Dana, Marletta (1° sgA), Girotto, Giolitti, Gaule, Longo, Nuzzo, Verdoia, Batilde, Nardi, Martina, Assom e Argentero (1°sgB).

Nello sprint anche le due donne presenti, Shara Giuliano e Laura Semeria, rispettivamente 55ª e 56ª assolute.

Mentre facciamo ritorno al Bar Mario per le operazioni di chiusura della manifestazione, veniamo a sapere che è in corso il tanto auspicato controllo antidoping per una decina di concorrenti individuati dai Carabinieri del NAS. La procedura prolunga un po’ i tempi e la gente vuole andare a casa. Così la premiazione avviene senza il vincitore della prima corsa, impegnato al controllo. Ma gli altri ci sono quasi tutti e il Bar Mario risuona delle voci di chi festeggia i premiati cui Riccardo Gentile e Claudio Groppo, “patrones” e sponsor della manifestazione, distribuiscono mazzi di fiori e confezioni di prodotti, sotto il lampo di qualche flash e l’obiettivo di molti telefonini.

Prossimo appuntamento sabato 28 maggio a Baldissero con il Gran Premio di Primavera. Domenica 29 invece, tutti a Torino a guardare la tappa conclusiva del Giro d’Italia.

Le foto della corsa e premiazione finale sono consultabili cliccando sul seguente collegamento:

https://picasaweb.google.com/110336262776895138773/6287584223353303761

                                                                                                                                             Valerio Zuliani

Classifica Racconigi 22.5.2016

[...]

CUNEO: Somano 21.5.2016

CRIVELLO DOMINA ANCHE A CRONOMETRO

Nella cronoscalata MTB di Somano

Somano (Cn), 21 maggio 2016 – Arriviamo a Somano nel primo dopopranzo di un sabato finalmente assolato. Nel paese regna la tranquillità assoluta e si respira aria di pace e serenità. Ci rechiamo presso la struttura Polifunzionale a Michele Ferrero, dove troviamo ad attenderci il Sindaco, Claudio Paolazzo e il Vicesindaco, Pasquale Galliano, che con molta cordialità ci mostrano il locale e lo spazio a noi dedicato per effettuare le iscrizioni alla 5ª Prova del Campionato Provinciale MTB Acsi Cuneo.

La corsa di oggi è una cronoscalata di 3400 metri, prevalentemente sterrati, che da quota 515 m slm, sale a 695, presso il Monumento alla Resistenza, con 180 metri di dislivello e una pendenza media del 5,3%.

La manifestazione è organizzata grazie alla collaborazione delle ASD AC Bra, Team Idea Bici e lo sportivissimo Comune di Somano.

Il percorso è breve e relativamente impegnativo, una pedalata che termina su una collina dalla quale la vista spazia a 360°, con le Alpi che fanno da cornice al Monviso che sembra quasi di toccarlo. Siamo in Alta Langa e, con una giornata così, è giusto che dopo lo sforzo della salita, anche l’occhio si prenda la sua parte.

Ma veniamo alla corsa. I concorrenti sono tutti provenienti da associazioni che hanno sede nella provincia di Cuneo. I volontari della Pro Loco sistemano le transenne per la partenza, in piazza della Fontana, dove alle 15,30 prende il via il primo corridore, Francesco Rogati, categoria “cuccioli”, che salirà accompagnato dalla mamma, facendo registrare il tempo di 20’20”.

Un minuto dopo è la volta dello junior Alessandro Manfredi, che con 11’03”, stabilisce il primo record della giornata.

Bisogna aspettare la conclusione della corsa di Alessandro Noè per vedere migliorato il primato, che passa ora a 10’ esatti, ma subito dopo, il nono concorrente, Davide Armand, lo migliora di 1”, portandolo a 9’59”.

Per una decina di concorrenti che tagliano il traguardo, non succede più niente fino all’arrivo di Alessio Crivello che, con 9’24” mette il sigillo sulla testa della classifica, che nessun altro è più in grado di migliorare. Il senior Crivello è salito alla media di 21,700 km/h e con una VAM di 1149 m/h.

Il primo veterano è Giovanni Pinetto, che mette in fila D’Ambrosio e Basso.

Nei gentleman, Strobino è 6° assoluto, davanti a Manfredi, Macrì, Torta e Campisi.

Il primo sgA è Giuseppe Saglia e il primo sgB, Marino Giuliano.

La mamma di Francesco che dopo avere accompagnato il figlio, è risalita per fare la sua corsa, è la prima donna, con il tempo di 15’00”.

Terminata la gara, torniamo al Centro Polifunzionale (che questa sera farà il pienone, con la serata danzante con la musica di Guido Dever), dove troviamo apparecchiato un tavolo di rinfresco ricco di cose da mangiare e bere, comprese banane e fragole, grandi e gustosissime e, quando si parla di “buona accoglienza” da parte del Comune di Somano ci accorgiamo quanto il termine utilizzato sia stato restrittivo.

La bella premiazione, ricca di prodotti gastronomici locali, officiata da Sindaco e Vicesindaco, mette fine a questa gradevole giornata tranquilla, passata praticando con il giusto agonismo, lo sport che più ci piace, ma già si stanno mettendo le basi per un progetto più ampio che comprenda altre manifestazioni ciclistiche e dei tracciati permanenti, “assistiti” da punti di ristoro e docce. Le premesse sono buone e il Comune è già al lavoro, ma ne riparleremo. Nel frattempo diamo appuntamento a Somano per il 19 giugno, quando sulle strade del suo territorio transiteremo con la Gran Fondo Internazionale BraBra.

Le foto a corredo della manifestazione e della premiazione finale sono consultabili cliccando sul seguente collegamento:

https://picasaweb.google.com/110336262776895138773/6287887763436999969

                                                                                                                                             Valerio Zuliani

Classifica Somano 21.5.2016

 

[...]

Bi – Vc: 2^ Ponzone – Stavello cicloscalata – 2^ prova regionale della montagna

Andrea Timo bissa il successo alla Ponzone Stavello

 

Una bella giornata di primavera ci attende per la seconda edizione della Ponzone – Stavello, una cicloscalata importante per il territorio, in un paesaggio unico  che, per chi non c’è mai stato, resta incantato nell’osservare cosi tante varietà di fiori e piante, parecchie in piena fioritura, che inondano di colori e profumi la Panoramica Zegna.             Fermandosi un attimo in uno dei tanti balconi naturali che la strada offre, si può osservare tutta la pianura sottostante, ed è uno spettacolo veramente bellissimo. Unico neo la strada, in condizioni veramente pietose, piena di buchi come e peggio della groviera!!

I ciclisti han dovuto fare lo slalom nel scendere e prestare molta attenzione nel non demolire le preziose biciclette.

Ma veniamo alla gara.              Un pomeriggio ricco di sole e con l’assenza di nuvole ha accompagnato i 112 partiti da Ponzone, consapevoli che salire alla Chiesetta Alpina di Stavello non sarebbe stato propriamente una passeggiata.    All’imbocco della “panoramica” c’è un gruppetto di circa 17 unità che poi è andato man mano assottigliandosi sulle più dure ed impegnative rampe.       Ad Andrea Timo son bastasti 32′e 56″ per fermare il cronometro ed aggiudicarsi la vittoria. Un tempo decisamente brillante.  Il Savonese di Loano conosce bene la salita, già vittorioso lo scorso anno, ha voluto esserci al secondo appuntamento e per lui è arrivata la seconda vittoria.   Al secondo posto, staccato di 11 secondi si piazza Roberto Napolitano mentre al terzo posto si piazza Paolo Ramella staccato di oltre un minuto.

Gli arrivi si susseguono con la torinese Ilenia Monno prima tra le donne con il tempo di 44 min e 9 sec.
Gli Alpini del Gruppo di Trivero offrono subito un Thè caldo preparato appositamente per tutti i ciclisti arrivati…. Ma un succulento ristoro li attende, in attesa delle classifiche, al Palazzetto dello Sport di Ponzone preparato dalla Pro Loco di Trivero cui fa seguito la premiazione con l’ASD velo valsesia prima tra le Società

Un ringraziamento doveroso a tutti i concorrenti ma soprattutto alle 8 donne partecipanti.

Ringraziamenti doverosi per l’Amministrazione comunale di Trivero, al Gruppo Alpini di Trivero, alla Pro Loco di Trivero, i volontari dell’AIB di Trivero, i Vigili del Fuoco di Trivero, e tutti i volontari presenti.

Grazie a tutti e vi aspettiamo ancora più numerosi per la terza edizione.

 

Gabriele Cerruti But

 

Ponzone – Stavello – classifica assoluta

 

[...]