Coordinamenti CSAIn

Coordinamenti Acsi

 

marzo: 2019
L M M G V S D
« feb    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Archivio notizie

Leonardo Viglione timbra il traguardo d’esordio del Gran Trofeo Mediofondo Csain!

L'immagine può contenere: una o più persone, bicicletta, cielo e spazio all'aperto

Sabato 10 marzo, dopo lunghi mesi di notizie e informazioni e intenso lavoro organizzativo prende finalmente il via il Gran Trofeo Mediofondo.

Il circuito nasce sotto egida Csain con l’obbiettivo di avvicinare i mondi del cicloturismo e dell’agonismo in un clima di fair play. E nel corso dei mesi l’idea si è perfezionata grazie alle collaborazioni instaurate, così da poter offrire agli iscritti ad ogni manifestazione dei pacchi gara degni di una granfondo, con capi tecnici brandizzati GT Mediofondo diversi per ogni manifestazione, ristori con degustazione di specialità locali, archi gonfiabili, tratti cronometrati con i chip di Sdam e vetture di scorta brandizzate GT.

Il tutto senza mai perdere di vista l’obiettivo principale: la piacevolezza di pedalare insieme in un clima disteso, potendosi confrontare con se stessi e con i propri avversari.

La prima prova, appunto domenica 10 marzo, ha preso il via da Casale Monferrato dove la A.S.D. Effebike ha allestito tutto il necessario per accogliere la marea di partecipanti accorsi, l’ampio piazzale allestito per l’occasione offre ampi parcheggi e uno spazio per radunarsi in tutta sicurezza godendo della bellissima location in attesa della partenza che viene ritardata di alcuni minuti per consentire l’iscrizione di tutti i 350 partecipanti.

E finalmente si parte, in gruppo ad andatura controllata attraverso il “mare di colline” dolcissime o scoscese, i “bric e foss”, vestite di boschi e vigneti a perdita d’occhio, il fiume Po che tra loro scorre e le unisce con il ritmo rilassante delle sue acque, e che offrono meravigliose occasioni di soggiorno nell’incanto dei castelli, degli agriturismi, bed & breakfast, hotel di charme. E la serenità dei luoghi si rispecchia nell’atmosfera del gruppo, che sembra non sentire la tensione della gara ma godere di questa domenica primaverile all’aria aperta.

E poi la macchina allunga e lascia il gruppo, al quarantesimo chilometro una pattuglia di carabinieri blocca il traffico assicurando insieme al servizio della gara la completa sicurezza. Si passa sui tappeti dei chip…e parte la gara! Un tratto di cronoscalata affrontato a tutta, alcuni con la velleità di vittoria e altri con la sola voglia di confrontarsi con se stessi ed il cronometro, ma tutti con invariato spirito sportivo.

Sul traguardo il tempo migliore lo registra Leonardo Viglione (Sanetti Sport) che dichiara: “Puntavo alla vittoria ed è arrivata! È un weekend pieno di soddisfazioni per me: ieri ho vinto in volata alla seconda prova del Criterium d’Inverno Csain a Torino ed oggi qui alla prima prova del Gran Trofeo, non avrei potuto chiedere di meglio”

A poche decine di metri dal traguardo ecco il ristoro con prodotti locali e la distribuzione dei krumiri casalesi. Ed infine i partecipanti, seguendo la frecciatura in perfetto stile randonnèe, rientrano in modo spontaneo al piazzale di partenza dove assistono alle premiazioni dei primi 4 classificati di categoria e delle società.…

[...]

Torino: In 170 inaugurano la Coppa Piemonte Xc a Reano!

L'immagine può contenere: una o più persone, persone in bici e spazio all'aperto

Domenica 10 marzo, il sole splende sulla provincia torinese e invita a portarsi all’aria aperta per godere i primi accenni della primavera imminente. Sembra passato molto tempo dai circuiti di ciclocross, che in realtà hanno avuto termine solo poche settimane fa, e già è ai nastri di partenza il circuito di Coppa Piemonte Mtb Csain 2019 e l’Alka Torino Xc Cup.

Due campionati importanti, già noto il primo che quest’anno si disputerà in 14 prove una più avvincente dell’altra nelle province di Torino, Biella e Vercelli. Nuovo il secondo, l’Alka Torino XC cup: dieci prove di cui 6 aperte alla partecipazione delle e-bike con una partenza riservata, l’Alka Cup contiene il Campionato Provinciale Csain Torino che vedrà incoronare al termine della stagione i Campioni Provinciali, ma alla premiazione finale accederanno anche coloro che avranno preso parte alle partenze con E-bike con premi offerti da MyEbike, Alka, Cusatibike, Bikers Team e Dottabike.

Entrambi i circuiti hanno inizio in questa seconda domenica di marzo a Reano, con l’organizzazione e la gestione della gara affidate al G.S. Sesia.

Alle 8 del mattino al ritrovo è già chiaro il successo partecipativo: la consueta fila alle iscrizioni è un fiume in piena che travolge gli addetti ai lavori e costringe a ritardare le partenze. Al conto finale verranno superati i 170 partecipanti, con immensa soddisfazione delle famiglie Sgarbi e Sesia che da giorni lavorano per la pulizia del percorso tracciato sul Moncuni, noto agli appassionati locali che qui si allenano tutto l’anno.

Parte la gara, e la prima salita fa già selezione delle forze in campo: è Andrea Bugnone (Team Sasquatch) a scollinare per primo prendendo saldamente in mano la gara che dominerà fino a tagliare il traguardo a braccia alzate davanti a Domenico Gotta (Magicuneo) e Luca Cuffia (Leynicese Racing Team).

Primo Senior 2 e quarto assoluto Antonino Lo Monaco (Giai Team) che precede di due posizioni il primo Junior Lorenzo Barilati (Leynicese Racing Team).

Tra i Senior 1 vittoria di Valentino Zappino (Groppo) su Cristian Giuliano (G.S. Passatore) e Pellegrino Longobardi (Magicuneo).

La gara dei Debuttanti è vinta da Danilo Allamanno (Fulvia Pagliughi) davanti a Riccardo Massaglia (Bikers Team) e Alberto Voredin (Bikers Team).

Tra i Gentlemen 1 trionfo di Valentino Meneghini (Sixs Boscaro) su Andrea Tosetto (Ultra Team) e Flavio Coluccio (Silmax Racing Team), mentre la categoria Gentlemen 2 è dominata da Valter Casalegno (Bikers Team) davanti a Carlo Gaj Tripiano (Leynicese Racing Team) e John Zamuner (Leynicese Racing Team).

Tra i Supergentlemen A Claudio Stocco (Bikers Team) vince davanti a Giuseppe Collura (Gs Sesia) e Giorgio Sparaventi (Billy Team), e i Supergentlemen B sono regolati da Roberto Pozzati (Team Sasquatch), secondo il campione provinciale ciclocross 2019 Augusto Bosio (As Ciclismo) e terzo Giuseppe Rondi (Scuola Naz. Mtb Oasi Zegna).

Il podio femminile vede salire sul gradino più alto Marta Giaccaglia (Bikers Team) che vince davanti a Simona Massaro (Bicistore Cycling Team) e Maria Elena Belfiore (Bikers Team).

La categoria più giovane, Primavera, vede la vittoria di Mattia Amadio (Pedale Leynicese) su Alberto Canta (Angy Wheels Team) e Simone Amadio (Pedale Leynicese).

Un ricco rinfresco ristora i partecipanti dalle fatiche della gara mentre prendono il via le Ebike, che possono scatenarsi in piena sicurezza sul percorso affrontato da coloro che hanno gareggiato.

Il prossimo appuntamento è il 7 aprile a Baldissero Torinese, con l’organizzazione affidata al Bikers Team e la gestione della manifestazione nelle esperte mani di Gianni Riconda, fin d’ora operativo perché tutto funzioni perfettamente.…

[...]

Cuneo: Nel 45° convivio, la società ciclistica “PEDONA” archivia la stagione 2018

L'immagine può contenere: 8 persone, persone che sorridono, persone sedute, persone in piedi e spazio al chiuso

Sabato 2 marzo, la società ciclistica “Pedona”, ha raggruppato i suoi affiliati al “Ristorante Albergo Belsito” di Borgo S. Dalmazzo per una collegiale e festaiola serata, avente lo scopo di archiviare la stagione ciclistica 2018 ed, illustrare il programma della prossima stagione 2019.

La società ciclistica, prima guidata dal presidente Franco Argirò e oggi da Jhon Forneris, è la decana delle società ciclistiche cuneesi e, quest’anno mettendo in campo le consuete capacità organizzative e, quelle agonistiche, concorre ad alimentare la 46° stagione.

La cinquantina di convenuti, fra i quali, il Sindaco Gian Paolo Beretta e l’ex professionista Remo Rocchia, sono accolti con affabile cordialità dai dirigenti societari: Jhon Forneris, Franco Argirò, Marco Tomatis, Jose Viale, Danilo Argirò ed Ivan Dutto.

Dopo il primo approccio con aperitivo alla mano, l’allegra combriccola, si accomoda agli imbanditi tavoli e, non tardano ad alternarsi i prelibati piatti che, accompagnati da buon vinello, aumentano la cordialità e l’amicizia dei convenuti.

L’ambiente si riscalda e si intrecciano interessantii racconti di avventure ciclistiche e affiorano inediti aneddoti e curiosi ricordi.

La monumentale torta, ampiamente fotografata alla presenza di dirigenti e sponsor, apre il momento clou della serata ed il presidente Jhon Forneris, con sciolta verve, dopo i dovuti ringraziamenti ai presenti, inizia a tracciare il cammino societario.

L’attività organizzativa, afferma Jhon, è incentrata su due storiche manifestazioni: “La Giornata del Ciclista” ed il circuito cittadino “Città di Borgo San Dalmazzo – Medaglia d’Oro”.

La giornata del ciclista” ideata da Marco Tomatis nel lontano 1990, è orchestrata in due fasi e, per essere in tema, inizia con una sgambata nel cicloraduno e, di seguito, viene celebrata la Messa in ricordo degli amici ciclisti defunti.

All’inizio della Messa, nelle prime 26 edizioni, la commossa voce di Garro, elencava i circa 25 nominativi degli “amici defunti” e, dal 2016 questo compito è stato, volontariamente demandato, al cervaschese Mario Armando.

Nel corso degli anni, in questa occasione, la società ha ospitato ex professionisti di grido quali: Giancarlo Astrua, Franco Balmamion, il grande Gino Bartali, Andrea Carrea, Claudio Chiappucci, Nino Defilippis, Valter Martin, Vladimiro Panizza ed i locali: Claudio Comino, Gianpaolo Cucchietti, Memo Garelli, Gianni Mana, Alberto Minetti e Remo Rocchia.

Ricordo ancora che l’Albo d’Oro del cicloraduno è onorato dalle straordinarie 12 vittorie del ”Pedale Cervaschese” oggi “Cervaschese ’98” al cui seguito la “Bici Cucchietti con 7 vittorie e, la società organizzatrice “Argirò – Pedona” con 4.

La seconda perla dell’Argirò – Pedona – continua Jhon – è lo storico circuito di Borgo, nato nel 1974 e, per molti anni effettuato nel centro storico di Borgo diventando un punto di riferimento per Esordienti ed Allievi ed, in ultimo, è stabilmente per amatori.

Nel 2009, alla 34° edizione, il circuito sposta il tracciato dal centro storico a Corso Barale e, nel 2013, alla 38° edizione, abbandona la storica denominazione “Trofeo Autofontana” diventando “ Trofeo Città di Borgo – Medaglia d’Oro”.

Purtroppo anche le cose belle trovano ostacoli e l’anno scorso, tutto l’ambiente ciclistico ha sofferto la mancata realizzazione del circuito, ma la determinata volontà del gruppo dirigenziale societario, lo fa rivivere nella futura serata di Giovedì 18 luglio.

Un forte e sentito ringraziamento lo rivolgo, ai numerosi sponsor che, con il loro sostegno morale e soprattutto materiale, ci consentono la realizzazione della 30^ Giornata del Ciclista e lo svolgimento del 43° Circuito Città di Borgo.

A conclusione non dimentico un forte incoraggiamento ed un grazie a coloro che, indossando i colori sociali, rendono viva l’esistenza della nostra società, partecipando onorevolmente a gare Csain in ambito regionale.

Poco prima degli immancabili saluti, lo scrivente si ritaglia un piccolissimo spazio per ringraziare, in modo affettuoso ed ufficiale, il trio dirigenziale Jhon Forneris, Marco Tomatis e Jose Viale che: “nel corso degli anni, mi hanno onorato di una profonda e sincera amicizia oltre ad avermi riservato immeritate attenzioni e, a Voi, rivolgo un sentito: GRAZIE “

Lorenzo Garro

Cuneo, 05/03/2019

[...]

CUNEO: 2ª PROVA CRITERIUM D’INVERNO – BALDISSERO – 10.03.2019

NATALI E GRAPPEJA NELLA 2° PROVA DEL CRITERIUM D’INVERNO 2019

 

Due coppie ben assortite si disputano a Baldissero d’Alba la vittoria allo sprint

 

BALDISSERO d’ALBA – 10 03 2019:In una ancor fresca domenica di marzo venivano a convergere su Baldissero d’Alba (CN) poco più di un centinaio di corridori – per l’esattezza 128, poi divisi in modo pressoché equanime nelle due consuete partenze per fasce d’età -, per disputare la seconda prova del “Criterium d’Inverno” sul collaudatissimo “circuito dei castagni”.

Come è ormai acclarata consuetudine i cosiddetti giovani partivano “lancia in resta” ed il primo giro del percorso, nonostante esso sia tutt’altro che in bolla, veniva effettuato alla considerevole media di 45 km/h.

Nonostante l’alta velocità di crociera, quasi un ventina di corridori riuscivano a prendere il largo nel secondo giro; fra essi riconoscevamo: Mostaccioli (Arredamenti Berruti), Carlini Davide (idem), Gallo (Team Isolmant Specialized), Magnaldi (Team De Rosa Santini), Nervo (Roero Spedd Bike), Monti (Rodman), Rinaldi (idem), Pasolini ((Atelier della Bici), Pera (Team Bike Pancalieri), Stocchino (idem), Barra (Ciadit Cicli Sumin), Casale (idem), Fissore (idem), Allois (Team Pessionese), Natali (ASD Sanetti Sport VVF Piemonte), Sanetti (idem), Negro (Dotta Bike Team), Grimaldi (Team Marchisio Bici), Pernigotti (ASD La Bicicletteria).

Una fuga così nutrita, e con molti corridori titolati alla vittoria, non poteva protrarsi a lungo e difatti già al terzo giro l’armonia fra gli avanguardisti veniva a scemare sotto la spinta di Monti e Natali che si rendevano protagonisti del primo significativo allungo, prontamente seguiti da Sanetti e Gallo.

Nel gruppo nessuno reagiva al tentativo di fuga dei quattro che giungevano così con una manciata di secondi sui più diretti inseguitori a disputarsi la volata per la prima piazza.

Prima piazza che era appannaggio del sempre veloce Natali su Monti, a seguire Gallo e Sanetti.

Il gruppetto dei superstiti della prima fuga veniva regolato in volata da Allois a seguire tutti gli altri.

Rimarchevole il distacco sul grosso del gruppo – attardatosi, va detto, per un incidente meccanico occorso a Carlevero (Pedala Sport), che ne determinava la rovinosa caduta e con lui di altri che ne pagavano, purtroppo pesanti conseguenze. Rimaneva coinvolto nell’incidente  Pacchiardo (Ciadit Cicli Sumin), fortunatamente indenne, ma con la bicicletta fuori uso -, e che consentiva a Stocchino, caduto all’ultima curva, di rialzarsi, rimettere in sesto la bicicletta e terminare comunque la prova in ultima posizione del drappello dei fuggitivi.

Nella seconda partenza, quella riservata ai più “anziani”, assistevamo più o meno allo stesso canovaccio della precedente corsa.

Il gruppo si allungava, e poi frazionava in due tronconi, senza un apparente motivo e si ritrovavano così davanti in una quindicina di elementi fra i quali vi era colui che è divenuto e diverrà, per evidenti e comprensibili ragioni, il “faro della corsa” in tutte le manifestazioni a cui parteciperà, cioè Sergio Barbero (Barbero Bike).

Ciò nonostante, al terzo giro, con una potente accelerata Grappeja (Team Bike Pancalieri) si portava in avanscoperta, seguito da Ragazzini (ASD Asnaghi Cucine) e poco dopo si univa al duo l’instancabile Fedrigo (Cavallino Rosso).

Il gruppo sornione nicchiava e lasciava che i soli Barbero e Ferracin (Vigor Cycling Team) si assumessero l’onere di chiudere sul terzetto di testa.

Ricongiungimento che non andava a buon fine dal momento che il trio di testa filava a buona andatura e di comune accordo mentre il corposo drappello di inseguitori cincischiava oziosamente a ruota dei due sopracitati corridori.

Ad una manciata di chilometri Ragazzini tentava l’allungo risolutore, ma Grappeja era lesto a portarsi alla sua ruota e così Fedrigo.

I tre si presentavano sulla rampa conclusiva per disputare la volata, volata che era meritatamente appannaggio del tetragono Grappeja su Ragazzini e Fedrigo.

A quest’ultimo va la nostra incondizionata ammirazione per la classe cristallina che si direbbe intatta se messa a confronto, fatte le dovute proporzioni, a quando Giovanni era una delle perle della blasonata Fiatagri!

A qualche minuto il gruppetto di inseguitori che, a due giri dalla fine, si frazionava ulteriormente sotto una potente accelerata di Cireddu (PPR Cycling) a cui resistevano in cinque.

Nel giro seguente, ed ultimo, rientravano sui sei Riva (Roero Speed Bike) e Ostorero (Team Santysiak).

La volata per il quarto posto era quindi del veloce Ferrero (Cavallino Rosso) che prevaleva sull’altrettanto veloce Ostorero, a seguire gli altri.

Il primato per la prima piazza femminile era della Stefania Sensi (Progetto Ciclismo Santena), primato garantito già alla partenza poiché ella, purtroppo, non aveva letteralmente avversarie.

In clima festoso e conviviale venivano effettuate le premiazioni con l’augurio di ritrovarci domenica prossima numerosi sull’altrettanto collaudato circuito di Salmour (CN), terza e conclusiva tappa del  “Criterium d’Inverno”.

                                                           Guido Ragazzini

Classifica Baldissero 10.03.19

class Criterium d’Inverno 2019

[...]