Campionati Italiani Fondo

Italiano Fondo Cicloturistico

Italian Off Road

Stella Alpina

Brevetti – raid – randonnèe su strada e mtb

Coordinamenti regionali

Comitati provinciali

 

luglio: 2018
L M M G V S D
« giu    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Archivio notizie

CUNEO: SALMOUR 7.04.2018

A SALMOUR SI PARLA RUSSO

Il moscovita Agaronov e il torinese Bosticco trionfano nel Trofeo Città di Salmour

 

Salmour (Cn), 7 aprile 2018 – Fuggiamo dal mese di marzo per trovare un po’ di sole, ma anche ad aprile continua a piovere in questo tardivo inizio primavera che sembra ancora inverno.

Siamo sull’altopiano di Salmour per disputare il Trofeo intestato alla città omonima. Solo 98 gli iscritti alla gara che si annuncia molto combattuta.

Si parte con 63 concorrenti di prima fascia alle 15. Subito iniziano le scaramucce e nel primo dei quattro giri, di 18 km circa, del circuito che tocca, oltre Salmour, i comuni di Narzole e Benevagienna, per un totale di 71 km, troviamo una dozzina di fuggitivi con 25” di vantaggio sugli inseguitori. I fuggitivi sono: Turco, Mostaccioli, Barbero, Agaronov, Fantini, Raviolo, Morra, Marengo, Nervo e qualcun altro. Alle loro spalle si cerca di organizzare l’inseguimento ma, sia davanti che dietro, non sono molti a collaborare. Anche il vento ci mette del suo per ostacolare la marcia degli atleti. Il gruppo si frantuma in vari sparuti gruppetti e all’ultimo passaggio, vediamo i fuggitivi inseguiti a soli 20” da Caresio, Marchetta, Cucco, Pacchiardo, Rinaldi, Finotto e Cometto. Nel finale di corsa avviene il ricongiungimento tra i due drappelli poi, a un paio di chilometri dall’arrivo, il giovane russo moscovita Pavel Agaronov, regolarmente tesserato cicloamatore, arrivato fin qui in treno dalla provincia di Varese e con una bici a noleggio, decide di allungare con la classica “mossa del fagiano”. Gli altri protagonisti della corsa si guardano e si studiano, tanto la velocità non è neanche alta e “quello lo prendiamo quando vogliamo”. Ma il traguardo si avvicina e nessuno prende l’iniziativa. Ci pensa, quando ormai è troppo tardi, Antonio Mostaccioli, che anticipa la volata andando ad aggiudicarsi la seconda posizione alle spalle dell’entusiasta Pavel Agaronov. Lo sprint degli altri fuggitivi è vinto da Pacchiardo su Rinaldi, Barbero, Caresio, Turco, Finotto, Fantini, Cometto, Marchetta, Riva, Cucco e Freno. A 1’30” arrivano Nervo, Giordano, Davi e poi tutti gli altri rimasti. Media del vincitore 42,930 km/h.

I seconda fascia sono solo 35. Tra essi prova ad andare via Beppe Olivero ma è presto stoppato dal resto del gruppo che per un po’ rimane compatto poi, nel corso della terza tornata, quando mancano poco meno di 30 chilometri al traguardo, evadono Bosticco e Fedrigo, un gentleman e un supergentlemanB. Alle loro spalle non si riesce a organizzare un inseguimento continuo e i due fuggitivi acquistano un vantaggio rassicurante anche se, come detto prima, il vento non aiuta.

Nel finale di corsa Bosticco allunga ancora e lo stremato Fedrigo, di 15 anni “meno giovane” è costretto a lasciarlo andare, cercando però di non lasciarsi “prendere” dagli immediati inseguitori che si avvicinano minacciosi.

Massimo Bosticco, della Ciclo Polonghera, conclude vittorioso la sua corsa solitaria alla media di 40,960 km/h, seguito a 25” dal bravissimo “sempreverde” Fedrigo, che anticipa di soli 13” il ritorno di Ferracin che conquista la terza posizione sul podio, davanti a un rinato Gualtiero Capellino, seguito da Cireddu, Piacenza, Benedetto, Bonato, Bonino e Olivero. Primo sgA, 18° assoluto, Maurizio Costantini.

Nell’attesa della premiazione ci soffermiamo a conversare con il giovane russo che ha stupito tutti per la sua “performance”: rimasto in fuga tutta la corsa, quando ha visto che si andava troppo piano ha deciso di aumentare e visto che nessuno gli è andato subito dietro, ha deciso di continuare e vincere. Adesso si ristora con una bella birra e dopo la premiazione inforcherà ancora la sua bici noleggiata, leggermente sotto misura per lui, e andrà a Fossano a prendere il treno che lo porterà in Liguria dove domani correrà una Granfondo.

Finita la chiacchierata con Pavel, è ora di iniziare la premiazione per i classificati di tutte le categorie, applauditi e fotografati a dovere.

La classifica del Campionato Provinciale Strada Cuneo vede ora al comando Caresio, Davide Carlini, Mostaccioli, Gazzola, Finotto, Bosticco/Ferracin, Alparone, Costantini e Marletta, rispettivamente nelle categorie junior, senior 1, senior 2, veterani 1, veterani 2, gentleman 1, sgA e sgB.

Il prossimo appuntamento è sabato 14 aprile a Racconigi con il Trofeo Bar Mario, 2ª Prova del Campionato Provinciale Strada Torino.

Le foto della corsa e premiazione sono consultabili cliccando sul seguente collegamento web: https://photos.google.com/album/AF1QipOEYwBbkJerEcqrxDX1HEASwce4gXXGbUtCDA0z

 

                                                                                                                                   Valerio Zuliani

classifica Salmour 7.08.2018

CLASSIFICA CAMPIONATO STRADA CUNEO 2018

Comments are closed.