Campionati Italiani Fondo

Italiano Fondo Cicloturistico

Italian Off Road

Stella Alpina

Brevetti – raid – randonnèe su strada e mtb

Coordinamenti regionali

Comitati provinciali

 

maggio: 2018
L M M G V S D
« apr    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Archivio notizie

CUNEO: ALBA 6.05.2018

LA PRIMA DI RINALDI E FERRACIN

A Alba nel 48° Gran Premio Arredamenti Berutti

 

Alba (Cn), 6 maggio 2018 – Sfidando ogni previsione meteorologica, si svolge oggi ad Alba la corsa più antica del panorama ciclistico amatoriale piemontese: il 48° Gran Premio Arredamenti Berutti, un circuito stracittadino che attraversa per 8 volte le vie della città, toccando anche i comuni di Roddi e Grinzane Cavour per un totale di 85 chilometri.

La pioggia ci accompagna fino alle porte del capoluogo della Nutella e del Tartufo, poi compare un raggio di sole e troviamo le strade asciutte.

I concorrenti iniziano ad arrivare e a fine iscrizioni sono 177 coloro che si apprestano a partire, provenienti da Piemonte, Liguria, Lombardia ed Emilia.

Si parte alle 10 di una domenica come tutte le altre ma particolare solo per noi ciclisti. Il tifo è tanto e l’attesa del primo passaggio sulla linea del traguardo, posto davanti al Mobilificio Berutti, è frenetica. Quando i corridori arrivano, padri, madri, mogli, fidanzate e amici si affacciano alle transenne per incitare il proprio congiunto. Il passaggio di entrambe le corse è talmente veloce che subito dopo si sente chiedere: “ Tu l’hai visto?” perché non tutti sono riusciti a scorgere chi cercavano in mezzo al gruppo.

Ma veniamo ora alla cronaca della corsa con 93 “under 50”. Appena dopo il passaggio appena raccontato evadono 7 corridori: Pacchiardo, Berta, Rinaldi, Cammalleri, Natali, Sanetti e Marchetta.

Il settebello appena formato procede regolarmente ma a velocità sostenuta e a nulla vale la tardiva reazione del gruppo, con la numerosissima partecipazione degli uomini della Berutti, che non riescono a ricucire lo strappo.

Proprio dopo il suono della campana che annuncia gli ultimi 10 chilometri di corsa, tra i fuggitivi si rompe l’armonia e l’andatura cala. Ne approfitta subito il torinese Rinaldi, che prova a scappare inseguito dal veterano Cammalleri. La coppia si ricompone e viaggia verso il traguardo, mentre alle sue spalle continua la guerra dei velocisti, che non vogliono favorirsi a vicenda.

In fondo al rettilineo spuntano solo i due fuggitivi, gli altri per il momento non si vedono.

E’ Cammalleri che conduce, poi Riccardo Rinaldi parte per una lunga volata, che vince agilmente sull’altrettanto bravo Luca Cammalleri, alla strepitosa media di 45,390 km/h.

A ben 50” assistiamo allo sprint di Natali, Pacchiardo e Marchetta, giunti in quest’ordine e, 10 secondi dopo, all’arrivo “pacifico” di Sanetti e Berta.

La volata del gruppo, a 2’ dal vincitore, è appannaggio di Picco su Finotto, Olivieri e Caresio.

Nella seconda corsa, quella degli 84 atleti sopra i 50 anni, nella quale ci sono anche 4 donne, assistiamo a una fuga iniziale di Capellino, Merlo, Bosticco e Ragazzini, che sembra buona, ma lo è anche la reazione del plotone inseguitore che in breve tempo si riporta sui fuggitivi. Dopo questo tentativo e altri simili intentati ancora da Ragazzini, Capellino, Merlo, Perucca, Belfiore, Stefano Carbone, Bosticco e Fedrigo, il gruppo rimane quasi sempre compatto fino alla fine, quando la massa unita dei corridori si fionda verso il traguardo. Da uno sprint confuso, come in tutte le volate affollate, emerge nettamente la sagoma rossa di Dario Ferracin, della Cicli Mattio, che sigla la sua prima vittoria stagionale e in “seconda fascia”, alla media di 42,440, davanti a Mirco Merlo, Stefano Carbone, Alparone, Zunino, Fazzone, Drago, Camillò, Bosticco e Ferrero.

Un grandioso rinfresco mette fine alle ostilità sportive e inaugura il dopo corsa, che culmina con la premiazione officiata dall’Assessore allo Sport del Comune di Alba e dal presidente Giovanni Berutti in persona.

Il premio per la prima associazione classificata, un bel trofeo artistico rappresentante un corridore in piena azione, andrebbe all’Arredamenti Berutti che però rinuncia in favore della seconda, l’ASD Roero Speed Bike. Per la cronaca, terze a pari merito, sono le ASD Cavallino Rosso di Asti, Rodman di Torino e Ciclo Polonghera, affiliata a Cuneo.

Si premiano poi i due podi di giornata e quello delle donne, dove al centro sale Paola Oberto, affiancata da Stefania Sensi, Eugenia Caruso e Shara Giuliano.

In quello degli sgA salgono nell’ordine, Batilde, Lo Baido e Giuseppe Caruso, mentre in quello degli sgB, Marletta, Bagnasco e Fedrigo.

La gara di oggi è valida anche come prova di Campionato Provinciale Strada Acsi Cuneo, che vede ora in testa Sacchetto, Davide Carlini, Mostaccioli, Gazzola, Finotto, Bosticco, Alparone, Dana/Lovera, Costantini, Marletta e Shara Giuliano, rispettivamente nelle categorie junior, senior 1, senior 2, veterani 1, veterani 2, gentleman 1, gentleman 2, sgA, sgB e donne.

Prossimi appuntamenti sabato 12 maggio a Fossano con il Memorial Mana e domenica 13 riprende la seconda serie a Salmour.

                                                                                                                                    Valerio Zuliani

classifica alba 6.05.18

CLASSIFICA CAMPIONATO STRADA CUNEO 2018

Comments are closed.