Coordinamenti CSAIn

Coordinamenti Acsi

 

agosto: 2020
L M M G V S D
« lug    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Archivio notizie

Almeno lasciatemi sognare

di Luigi Fortuna
Viviamo giorni difficili. Il Coronavirus inevitabilmente condiziona la nostra vita. Giusto lasciare la guida per uscire da questa situazione alle persone che scientificamente hanno diritto di parole e di azione.
Senza essere trasgressivo, di un’altra specie di virus, qui, desidero parlare immaginando una possibile cura. Se il Ministro emanasse i decreti e si armonizzassero CONI e SPORT E SALUTE per il fine comune dello Sport per tutti e diritto di tutti?
Se ciascuno facesse il “suo” con professione e dedizione, senza invadere o criticare il campo degli altri? Se questo virus smettesse di essere aggressivo? Se i grandi scienziati Italiani dello sport riuscissero a sperimentare con successo un vaccino? Sfiderei chiunque, fra gli addetti ai lavori, ad avere previsto che gli EPS sarebbero arrivati a spingersi fino a formalizzare tesseramenti, affiliazioni e diplomi a quotazioni inferiori ai costi assicurativi e talvolta con proposte di rateizzazione anche attraverso finanziarie, magari con l’assistenza di call center? E che qualcuno si sarebbe svenduto ad organizzazioni di secondo livello pur di fare numeri e cassa.
Anni fa, all’inizio della grande rivoluzione informatica, l’intenzione dichiarata era di costruire una rete con maglie strette, governata da algoritmi, per impedire che organizzazioni sportive riconosciute uscissero dai binari istituzionali. Nella realtà al “bisogno” le maglie si sono allargate. Sappiamo che molti resoconti economici come i bilanci, si chiudono a “vista” e che le commisurazioni ai risultati di fine anno non sono ben accetti a qualcuno.
Alla ricerca di un vaccino sogno la semplificazione dei percorsi di controllo: tracciabilità delle ricevute per affiliazioni e tesseramenti incrociando i C.C. degli “EPS – Comitati territoriali e Associazioni”; sogno l’incrocio dei contratti assicurativi; sogno che venga verificato se le compagnie assicurative sono frutto di gara regolarmente esperita, e se le polizze tutelano realmente i nostri soci o le nostre coscienze.
Sogno ancora che in conseguenza delle azioni di cui sopra, si premi con un maggiore sostegno economico chi ha meriti oggettivi e chi ha inteso cautelare al massimo i propri soci e tesserati a differenza di chi ha contratti con compagnie assicurative e brokers che nelle formule proposte non attiveranno quasi mai i rimborsi.
Ad oggi sembra sia sfuggito il controllo a chi è l’unico organismo preposto alla certificazione della effettiva attività sportiva promozionale svolta dalle società e dalle associazioni dilettantistiche. Noi CSAIn saremo coerenti e punteremo sempre alle attività vere e di alto livello. Infine mi permetto un suggerimento: un decreto ministeriale che porti tutte le decine di migliaia di associazioni grandi e piccole, che siano realmente ASD/SSD sportive, a pagare una tassazione minima, quasi la metà delle dita della mano, in modo da fare finire la caccia alle streghe con sistemi governati solo apparentemente da algoritmi. Devo sentirmi un sognatore?

Comments are closed.