Coordinamenti CSAIn

Coordinamenti Acsi

 

dicembre: 2019
L M M G V S D
« nov    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Archivio notizie

Comunicato attività ciclocross 2019/2020

Essendo prossimi all’inizio delle attività invernali, invitiamo i Comitati Provinciali a comunicare alla segreteria del Coordinamento nazionale, indirizzo e- mail: info@csainciclismo.it, i calendari delle attività di ciclocross 2019/2020 e di far pervenire le eventuali richieste per l’organizzazione del Campionato nazionale, da tenersi in prova unica non prima del 12 gennaio 2020, per la cui assegnazione si terrà conto della mole di eventi territorialmente disposti. Nonché indicare le date dei campionati regionali 2020 da concordare tra i C.P., ciò anche al fine di disporre, in tempo utile, la fornitura delle maglie campioni. Evidenziamo altresì che la data stabilita per il Campionato nazionale avrà la preminenza su tutte le altre e che, nello stesso giorno non potranno essere programmate gare, della medesima specialità, nelle regioni confinanti.
Inoltre comunichiamo ai Comitati Provinciali e Società affiliate che dal giorno 01 ottobre, per i TESSERATI MASTER (Art. 3 R.T.) e per la sola attività di ciclocross, vanno applicate le categorie di appartenenza nell’anno 2020. Tale applicazione si intende anche per la categoria “Cucciolo” ma limitata ai soli tesserati CSAIn che, nel 2020 saranno inquadrati nella categoria “Primavera”.
Precisiamo inoltre che per i Circuiti e/o Tornei in più prove che hanno inizio nel 2019 e terminano nell’anno 2020, la formulazione della classifica di Società va stilata in base al tesseramento 2020.
Per le norme specifiche si rimanda all’art. 18 R.T. e, per quanto nello stesso non previsto, si rimanda al R.T. della FCI.

Incoronati a Borgo d’Ale i campioni nazionali Mtb Csain

I campioni nazionali Csain di mtb

Borgo d’Ale (VC) – Domenica 1 settembre, le ferie sono ormai un ricordo nella memoria ma per qualcuno il mese di agosto è stato una lunga intensa preparazione per quello che nel calendario fuoristrada è l’evento principe, l’appuntamento irrevocabile impresso a fuoco sul calendario agonistico.
A Borgo d’Ale, un comune che conta circa 2500 abitanti nella campagna vercellese, famoso per le pesche e la produzione ortofrutticola, un appassionato del ciclismo fuoristrada ed esperto organizzatore noto in tutto il Piemonte dedica durante il lungo mese di agosto tutte le sue ore libere alla preparazione di ogni dettaglio per l’evento che sta organizzando sotto l’egida Csain: è Gianni Riconda, inesauribile fonte di sorprese ed eventi, tracciati e consigli per gli organizzatori delle gare mtb.
Continua a leggere Incoronati a Borgo d’Ale i campioni nazionali Mtb Csain

Ricardo Pichetta è il vincitore assoluto del Giro della Provincia Granda

Le maglie della decima edizione del Giro della Provincia Granda

Cuneo - La decima edizione del Giro della Provincia Granda, che si è svolta dal 31 luglio al 4 agosto, rappresentava l’esame di maturità per la gara a tappe cuneese e il suo comitato organizzatore che per la prima volta ha dato vita all’evento sotto l’egida di CSAIn Ciclismo.
Un esame superato a pieni voti, grazie ai 115 partecipanti, all’introduzione delle due partenze, alle cinque avvincenti tappe che hanno visto i corridori misurarsi a viso aperto, i momenti di socializzazione grazie alle iniziative proposte dalle diverse amministrazioni che hanno voluto ospitare una frazione del Giro e il pranzo party finale a Pian Munè.
“Si è chiusa una straordinaria edizione del Giro della Granda – afferma Vittorio Bongiovanni patron del Giro – quest’anno abbiamo fatto delle scelte importanti, alcune delle quali suggerite al termine della scorsa edizione dagli stessi partecipanti. Le due partenze hanno reso più aperto e combattuto il Giro. Abbiamo avuto sette donne al via, un record. Archiviata la decima edizione stiamo lavorando a quella del 2020, iniziando i primi incontri con aziende che sono pronte a sostenerci nella nostra opera organizzativa e a promuovere iniziative collaterali per far crescere il Giro”.
Continua a leggere Ricardo Pichetta è il vincitore assoluto del Giro della Provincia Granda

Un successo sempre crescente per il Giro Internazionale del Friuli Venezia Giulia

I vincitori delle maglie con Nevio Cipriani e Claudio Chiappucci

Tricesimo (UD) – Quest’anno patron Nevio Cipriani ha disegnato un tracciato affascinante che si snodava principalmente nella provincia di Udine per arrivare a Monfalcone, la città delle navi, dopo aver lambito il sacrario militare di Redipuglia, monumentale cimitero militare, che contiene le spoglie di oltre 100.000 soldati italiani caduti durante la prima guerra mondiale. La prima tappa ha invece portato i partecipanti a scoprire Sappada, località immersa nella natura incontaminata, che permette di ascoltare il silenzio delle montagne, di respirare la purezza dell’aria, di ammirare la bellezza della natura autentica che la circonda, di entrare in sintonia con il respiro della montagna che evidenzia le ferite della strage di abeti che nello scorso novembre ha colpito la Carnia.
Continua a leggere Un successo sempre crescente per il Giro Internazionale del Friuli Venezia Giulia

Campitello Matese laurea i campioni nazionali CSAIn di cronoscalata

I campioni nazionali CSAIn cronoscalata

Campitello Matese (CB) – Si è svolto sabato 10 agosto a Campitello Matese il Campionato nazionale di cronoscalata CSAIn, manifestazione valida anche compre prima prova di Campionato Regionale Molisano. La gara disputatasi nella splendida cornice del parco del Matese, è stata organizzata dall’Asd Tri-Race Team Termoli, in collaborazione col Comitato Regionale Molise, coadiuvato dal coordinatore regionale Csain Puglia, Franco Scotti.
A sfidarsi sulla distanza di km 14,600 per raggiungere l’altitudine di 1450 slm , sono stati 79 concorrenti provenienti da 12 regioni italiane con partenza a un minuto di distanza uno dall’altro.
A bissare il successo, fermando il cronometro a 41:18:091 è stato Stefano Scotti del Teamgranfondo, mentre in campo femminile Antonella Aravini del Team “6 Impianti”, ha avuto la meglio su Antonella Lombardi (Ciclistore Campobasso) e Chiara Ricci del Team Ciclismo 2014.
Continua a leggere Campitello Matese laurea i campioni nazionali CSAIn di cronoscalata

Mondiali di Gran Fondo UCI

Modalità di partecipazione per i tesserati CSAin che hanno ottenuto la qualificazione nelle prove di selezione

I tesserati CSAIn che hanno ottenuto la qualificazione, come da comunicato della Federciclismo  dovranno far pervenire, al Coordinamento Nazionale, tramite le Società di appartenenza, e-mail: info@csainciclismo.it , la richiesta di accredito, indicando le proprie generalità, il numero di tessera dell’Ente e un recapito e-mail.
Biagio Nicola Saccoccio
Vice Presidente Nazionale CSAIn
Responsabile Coordinatore Nazionale Ciclismo

Testo comunicato FCI  da sito Federciclismo.it

La partecipazione alla prova mondiale di Gran Fondo UCI, che si disputerà il prossimo 1 settembre 2019 in Polonia, è condizionata, per gli atleti tesserati F.C.I., all’osservanza delle seguenti norme:
1. Avere ottenuto la qualificazione nelle prove di selezione;
2. Indossare la maglia identificativa dell’Italia, predisposta appositamente per questa prova mondiale dalla Federazione, che sarà fornita dietro il versamento di un corrispettivo.
Gli atleti tesserati con gli E.P.S. convenzionati, ad esclusione degli atleti tesserati ACSI, che non sono ammessi a partecipare, se qualificati nelle prove di selezione, per partecipare dovranno inoltrare alla FCI, per il tramite del proprio Ente, una richiesta di accredito, indicando le proprie generalità, il numero di tessera dell’Ente e un recapito e-mail, la Federazione rilascerà una lettera di accredito che consentirà la partecipazione. Anche gli atleti tesserati con gli Enti dovranno indossare obbligatoriamente la maglia predisposta dalla FCI:
Le richieste di accredito degli atleti tesserati con gli Enti e le richieste per l’acquisto della maglia saranno indirizzate al seguente indirizzo: amatoriale@federciclismo.it
Gli atleti sprovvisti della maglia e/o dell’accredito (solo atleti Enti) non saranno ammessi alla manifestazione.

L’imposta regionale sulle attività produttive nelle ASD

di Salvatore Spinella
È tempo, per le ASD, di calcolare, relativamente all’attività svolta nel 2018, l’lRAP da versare i cui termini scadono il primo luglio 2019, oppure entro i successivi 30 giorni pagando una maggiorazione dello 0,40%, ovvero rateizzando a partire dalle predette scadenze. È importante, nel caso di ASD, la cui attività principalmente è istituzionale ma talvolta anche commerciale, determinare correttamente la base imponibile su cui calcolare l’imposta. In relazione all’attività istituzionale l’Irap viene determinata secondo il cosiddetto “metodo retributivo”, mentre in relazione all’attività commerciale si determina applicando il “metodo del bilancio”.
È evidente che per applicare i diversi metodi occorre tenere ben distinte contabilmente le due attività (istituzionale e commerciale), imputando in misura proporzionale alle due attività i costi promiscui ed inoltre, ove, per l’attività commerciale svolta l’associazione opti per l’applicazione del regime forfetario di cui alla legge 398/1991, la base imponibile Irap viene determinata tenendo conto delle regole proprie di tale regime.
Sull’attività istituzionale non commerciale il metodo retributivo prevede che la base imponibile è determinata dalla somma delle retribuzioni spettanti al personale dipendente, dei redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente, e dei compensi erogati per collaborazione coordinata e continuativa, nonché per attività di lavoro autonomo non esercitate abitualmente.
Restano escluse dalla base imponibile IRAP e quindi non vanno sommate le indennità e i rimborsi di cui all’articolo 67, comma 1, lettera m), Tuir.
Con riferimento ai compensi per rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, l’importo da sommare per la determinazione della base imponibile è dato esclusivamente dai compensi effettivamente corrisposti dal committente al collaboratore al netto dei contributi posti a carico del committente.
Continua a leggere L’imposta regionale sulle attività produttive nelle ASD

Il G.S. Polesano è campione nazionale di cicloturismo CSAIn

Il Gs Polesano

Nichelino (TO) – Domenica 7 luglio, qualche temporale della sera precedente ha rinfrescato l’aria ed è quasi piacevole svegliarsi al mattino presto pronti per disputare il Campionato Nazionale di Cicloturismo Csain 2019.
Al Circolo Polesano di Nichelino l’attività freme fin dalle prime ore del mattino, quasi ininterrotta dalla festa Noi e La Città che anche sabato sera ha accolto ospiti fino a tarda notte, e il clima è quello festoso delle grandi occasioni.
Lenta ma inesorabile inizia la processione al tavolo delle iscrizioni, la piazza adiacente si veste dei colori delle molte divise che ne ricoprono la superficie.
Come un solo organismo, scortato dalle immancabili Scorte Tecniche e dai moto staffettisti a bordo delle Harley Davidson e anticipato dall’inconfondibile Vespa rossa del presidente del gruppo Polesano Roberto Bottin, il plotone si muove e lascia la città di Nichelino per dirigere al Castello di Moncalieri, la prima asperità e la prima reggia sabauda che incontrerà in questo inedito percorso.
Il traffico ancora scarno della domenica lascia un passaggio sicuro davanti all’ingresso del Castello, e il gruppo procede spedito aggirando le colline che circondano la bella Torino e volgendo al territorio principe delle ciliegie: si transita a Pecetto, dove la salita mette a dura prova la resistenza di chi ha sulle gambe meno chilometri. A Santena, una volta sfiorato il Castello di Cavour, il gruppo fa una brevissima sosta vegliata dai carabinieri per ricompattarsi e ripartire alla volta dell’Abbazia di Casanova, dove lo attende la sosta vera e propria e dove molte delle squadre presenti approfittano per fare le foto di gruppo sullo sfondo della residenza di caccia sabauda.
Continua a leggere Il G.S. Polesano è campione nazionale di cicloturismo CSAIn

La Armeno-Mottarone ha assegnato i titoli nazionali Csain della montagna

I campioni nazionali e autorità

Armeno (NO) – Dopo una prima tappa del Controgiro tra acqua e tempesta, quella di Gattico e Moncrivello rinviate, si sperava finalmente in una tappa di aggrado degna del Campionato Nazionale della Montagna CSAIn.
Lo scorso anno in una bella giornata di sole avevamo 170 partenti e purtroppo oggi con la previsione di tempo instabile, molti si sono “dati alla macchia” ma comunque ugualmente abbiamo avuto 130 temerari che hanno affrontato la salita della ns. amata montagna il Motty, sotto acqua e specialmente in quota a 8°C.
La ns. è comunque soddisfazione organizzativa grazie a questi temerari che sono stati tutti premiati per il loro impegno di presenza pur se qualcuno dopo una parte di gara sotto l’acqua non se l’è sentita di proseguire sino in vetta.
Un grazie particolare va dato alle collaborazioni del gruppo del Motty, ai ns. consolidati sponsor e alla Edilcusio che ha voluto dare un segno partecipativo alla sua montagna dove a fine giugno si ripeterà nuovamente la notturna al Mottarone.
La presenza del nuovo sindaco di Armeno sig.ra Lavarini Mara e del suo assessore allo sport, ci ha stimolati a dare continuità nel futuro a queste iniziative.
Alle 10 la prima partenza composta da junior, senior 1 e 2 veterani 1 e 2 formata da una settantina di atleti, seguiti poi dopo 15 minuti dalla seconda partenza composta da gentlemen 1 e 2 super A e B, donne e debuttanti.
Dopo il breve giro di riscaldamento il via volante all’uscita di Armeno dove dopo un paio di Km i gruppi si sono sfaldati portando in vetta molti solitari e qualche piccolo gruppetto che si disputava la volata. Nella prima partenza Galbignani Mauro precedeva Zacchi Riccardo, Ramella German Paolo e Rosaire Erik mentre nella seconda Napolitano Roberto su Minuz Paolo, Calabria Maurizio e Magnetto Alietta Gianpaolo. A livello societario la B&B Cycling prevale su ASD Agrate Conturbia e Makako Team
Continua a leggere La Armeno-Mottarone ha assegnato i titoli nazionali Csain della montagna

Terracina E-Trail” – challenge nazionale CSAIn open

I vincitori di categoria con la presidente Patrizia Campagna e Loreto Grimadi in rappresentanza di CSAIn

Terracina (LT) -- Sentieri per lo più rocciosi e particolarmente tecnici che si snodano su verdeggianti colline con affacci mozzafiato su mare e lago. È stata questa la cornice ideale per la gara dedicata alle mountain bike a pedalata assistita che si è svolta a Terracina e che ha assegnato il titolo nazionale Csain Open categoria E-Trail.
Gara unica nel suo genere nell’Italia del Centro Sud in cui i coraggiosi ragazzi della Asd Terracina Network Trails hanno fortemente creduto e che a dispetto dei numeri apparentemente esigui si è rivelata una gara ricca di colpi di scena, dall’elevatissimo livello tecnico sia per il percorso che per gli atleti presenti come giustamente impone una gara di livello nazionale.
Titolo nazionale E-Trail Open Csain assegnato a Stefano Chiri della Asd Six Inch, un atleta prestigioso, uno dei protagonisti del panorama ciclistico amatoriale nazionale e co-autore nel magazine online Mtb Cult, secondo classificato Teodoro Rofrano del Team Fristads Mondraker Comes; i due già da tempo stanno sperimentando le potenzialità di queste aggressivissime mountain bike a pedalata assistita ed hanno accolto con interesse e curiosità la proposta dei ragazzi di Terracina. Terzo posto assoluto conquistato da Pietro Mariorenzi del Team Bikextreme Racing Team, un altro atleta già molto conosciuto nel settore enduristico regionale che ha approfittato della gara per testare per la prima volta una mountain bike elettrica. Non sono mancati purtroppo i problemi meccanici e le forature che hanno fortemente penalizzato un concorrente e costretto al ritiro altri due.
Un gruppo di atleti eterogeneo ma accomunato da elevatissime abilità tecniche: era proprio questo l’identikit del rider a cui l’associazione organizzatrice ha pensato quando ha ideato il percorso.
In totale 19 i km previsti dal percorso studiato specificamente per mountain bike dallo stile enduristico (biammortizzate dalle generose escursioni ma pedalabili). Sudore e tanta fatica sullo sterrato in gara. La prima prova speciale è relativamente breve, in salita, su fondo tecnico caratterizzato da lastroni di roccia resi insidiosi dalla pioggia caduta in mattinata e da tornanti ciechi. Questa ha messo a dura prova i concorrenti che durante il trasferimento hanno avuto modo di recuperare le energie da spendere sui lunghissimi 6 km della successiva seconda prova speciale. Una seconda prova con un primo tratto di nuovo in salita di circa 2,5 km di sottobosco con fondo misto di terra e rocce che non lascia respiro e poi una seconda parte in discesa con inizio tranquillo in bosco che si getta poi a capofitto sul tratto finale, 600 interminabili metri in cui dominatrice assoluta è la roccia, fissa e a gradoni. Con le braccia doloranti ma con il sorriso sul volto i concorrenti hanno chiuso la gara esprimendo soddisfazione per aver raccolto ed onorato la sfida lanciata dagli organizzatori.
Continua a leggere Terracina E-Trail” – challenge nazionale CSAIn open